• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12

Monte Petrella

Escursionismo
Data: 8 Aprile 2018

Parco Naturale Monti Aurunci

- Spigno Saturnia (LT) -

Monte Petrella

 

Bellissima ed impegnativa escursione lungo lo storico sentiero che le genti del posto utilizzavano per approvvigionarsi di legna e per portare a valle il carbone prodotto in montagna. Si parte da Spigno Vecchio nei pressi della Masseria Santilli, nella zona del cimitero (ca 400 m). Si percorre il sentiero CAI 913 che inizia con un’ampia carrareccia e gradualmente sale fino ad immettersi nel “Canale di Faggeto”. Il sentiero avanza in un ambiente caratterizzato dalla variegata vegetazione: nella parte più bassa è quella tipica della “macchia mediterranea” (roverelle, carpini, lecci oltre a tutte le specie arbusticole caratteristiche della nostre montagne) mentre più in alto, verso i mille metri, predominano i faggi, alcuni dei quali veramente monumentali. Durante il percorso incontreremo testimonianze di presenze antropiche risalenti ai periodi in cui, per le popolazioni locali, la montagna era sostentamento e riferimento: incontreremo dei terrazzamenti a pietra viva (macere) per delimitare piccoli spazi di terreno coltivabile e delle carbonaie per la produzione del carbone. A circa 1300 m di quota inizia l’anello sommitale del Petrella; il percorso prosegue decisamente verso ovest sino ad una sella dove, con una piccolissima deviazione, raggiunge una splendida terrazza sul Golfo di Gaeta: il Monte S. Angelo (1402 m). Lo sguardo può spaziare dalle isole del Golfo di Napoli, alle isole dell’arcipelago Pontino, fino al promontorio del Circeo. Dopo aver ammirato il suggestivo scenario tirrenico, si riprende il cammino per raggiungere la vetta degli Aurunci: il Monte Petrella (1533 m) passando per il monte Campetelle (1498 m). La panoramica che offre il Petrella è assolutamente straordinaria: a sud il Mar Tirreno con il Golfo di Napoli, a sud-est il Golfo di Gaeta e il Circeo, a Nord si spazia dalle montagne del PNALM con le Mainarde fino ad ovest con il gruppo del Matese e quello del Massico. La discesa per il ritorno sarà effettuata sul versante sud percorrendo il sentiero CAI 913b, continuando così a godere della veduta del Mar Tirreno, fino ad incrociare nuovamente il sentiero CAI 913 che, percorrendolo a ritroso, ci porterà al punto di partenza. 

ORGANIZZAZIONE Sezione CAI Esperia Posti disponibili:

Iscrizioni entro il: 06/04/2018

COSTI Soci € - Non soci €12,00 (vedere Regolamento)

RITROVI CASSINO: Area Varlese - ore 07.30 FORMIA: Via Olivastro Spaventola - ore 07.30 SPIGNO SUPERIORE: Slargo inizio del paese - ore 8.00

ESCURSIONE Difficoltà: EE Dislivello: /1133 m. Lunghezza: Km 15 Tempi: h 7 Riferimenti Sentieri: 913 – 913b Mappa:

CARTA dei SENTIERI - Parco Naturale dei Monti Aurunci

COSA SERVE Abbigliamento a strati da montagna, scarponi, giacca a vento, bastoncini, equipaggiamento per la pioggia, cambio da lasciare in auto, pranzo al sacco, acqua a sufficienza.

AVVICINAMENTO Auto proprie. 

 

Responsabile
Francesco Purificato
email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono
338 4621337
Responsabile
Maurizio Mariani
email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono
338 4438926

Powered by iCagenda

zaSyC6kCGxIpZs0Dd_1Q7MZWnFQgmBp62vhiI